Le relazioni: dono da non sprecare

Le relazioni: dono da non sprecare

3 Settembre 2019 Off Di Fabrizio Campus

Il mese scorso ho condiviso con voi un articolo sul riempimento dei vuoti che tutti ci portiamo dentro, sul desiderio di felicità che tutti abbiamo, una felicità che ha un nome: Gesù Cristo. Questo mese vorrei cercare di entrare un po’ nello specifico, dicendo qualcosa sulle relazioni. Stavolta voglio prendere spunto da una frase tratta da una catechesi di Don Luigi Maria Epicoco (che molti di voi conosceranno e, se così non fosse, vi suggerisco di cercare la sua pagina su Facebook e le sue catechesi su YouTube, perché leggerlo e sentirlo vi farà molto bene): “L’amore è compimento, non riempimento”. L’incontro con il Signore ci cambia lo sguardo innanzitutto a partire dalle relazioni, perché da quel momento in poi impariamo che è troppo poco ridurre qualcuno al riempimento di una mancanza, al soddisfacimento di un bisogno, alla causa del nostro benessere.

 

L’amore ci compie, cioè ci fa essere pienamente noi stessi, quando per quell’amore siamo disposti a dare tutto, soprattutto quando ci costa e quando da quella relazione non possiamo avere nulla in cambio. Ogni relazione è l’occasione di avvicinare qualcuno a Dio, di fargli fare esperienza di Lui, di camminare verso di Lui con l’altro. Per questo motivo ogni tipo di relazione è una cosa serissima. È dono, perché è il luogo in cui possiamo riappropriarci della nostra umanità, coltivando l’intima certezza che anima ciascuno di noi e cioè quella di non essere soli, di appartenere a Qualcuno e di poter vivere (e non sopravvivere) proprio grazie a questa appartenenza. Ovviamente tutto questo non lo si compra al supermercato, né lo si impara sui libri o lo si ottiene per bravura. È grazia da chiedere a Dio affinché non vada sprecata, sciupata, una sola occasione di amare.

 

Hits: 65