Vaccinazioni Si o NO?

Vaccinazioni Si o NO?

11 Ottobre 2019 Off Di Marco Deplano

Da qualche anno infiamma la polemica specialmente nei social network sull’effettiva efficace dei vaccini e su eventuali effetti avversi.
Tale polemica ha visto aumentare esponenzialmente i cosiddetti No Vax, ossia i contrari alle vaccinazioni che la copertura vaccinale della popolazione è scesa drasticamente. In Italia recentemente è stato introdotto il Decreto Vaccini che ha portato il numero delle vaccinazioni obbligatorie da 4 a 10.

 

Come mai è stato reso necessario questo provvedimento?
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità in Italia dal 2013 la copertura vaccinale (sia per i vaccini obbligatori che quelli consigliati) è scesa sotto il 95%.
Vi sono numerosi studi che dimostrano che al di sotto di questo valore non vi è più garantita l’immunità di gregge, ossia la protezione per quelli che non possono essere sottoposti a vaccinazione per motivi di salute.
Dal 2017 le vaccinazioni obbligatorie e gratuite tra i zero e sedici anni e i minori stranieri non accompagnati sono: anti-poliomelite, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite, anti-poliomelite, anti-difterica, anti- Epatite B e anti- Haemophilus Influenzae B, anti-pertosse, anti-varicella.
Sono indicate a offerta attiva invece quelle anti-meningococco B e C, anti-pneumococco e anti-rotavirus.
La vaccinazione è una grande scoperta in campo medico che di fatto ha aumentato sia la qualità di vita che la sopravvivenza del genere umano.
Le vaccinazioni sono lo strumento più efficace per la protezione dalle malattie infettive. Grazie a questo intervento sanitario alcune malattie come il vaiolo sono state eliminate altre però sono ancora diffuse e possono causare gravi patologie come per es. il morbillo, che può complicarsi con polmonite (1 caso su 20), encefalite (1 su 2000 casi) o con anche esiti letali.

Grazie alle vaccinazioni alcune malattie sono state eliminate.
Tutti i vaccini sono sottoposti a rigorose sperimentazioni e controlli per garantirne sicurezza ed efficacia
Se con la definizione di “vaccino sicuro” intendiamo un prodotto che è totalmente esente da effetti collaterali, allora nessun vaccino è sicuro al 100%. Come nessuna attività umana è sicura: un certo rischio, per quanto piccolo esiste in tutte le nostre attività.

Per “sicuro” si intende un vaccino che solo molto raramente o eccezionalmente può provocare effetti collaterali seri e tuttavia questi sono considerati accettabili proprio perché quel vaccino difende da un pericolo più grande rappresentato dalla malattia, allora siamo di fronte a una definizione più aderente alla realtà.
I vaccini attualmente disponibili devono passare rigorosi test di sicurezza prima di essere approvati per l’uso Gli effetti avversi, per altro rari, che cambiamo da vaccino a vaccino devono essere valutati da personale competente ed esperto che valuta se proseguire o meno l’iter vaccinale.
In ogni caso gli effetti avversi sono così rari che soltanto il fatto di scongiurare l’insorgere di malattie potenzialmente letali depone per la vaccinazione.

 

Le numerosissime pubblicazioni scientifiche attestano che la vaccinazione di fatto è efficace e sicura pertanto il buonsenso dovrebbe andare pari passo.
Rivolgetevi al Centro Vaccinazioni della vostra ASL!

 

©Riproduzione riservata

 

Hits: 27