I fichi d’india

I fichi d’india

2 Ottobre 2019 Off Di Cristina Floris

Il fico d’India (o ficodindia) (Opuntia ficus-indica) è una pianta appartenente alla famiglia delle Cactacee, originaria del Centro America ma naturalizzata in tutto il bacino del Mediterraneo (soprattutto Calabria, Puglia, Sardegna, Sicilia e Malta) e nelle zone temperate dell’America, Africa, Asia e Oceania. Questa pianta grassa, nel periodo estivo, produce dei frutti di colore giallo-arancio e dalla forma tonda o allungata, caratterizzate da una parte esterna ricoperta da spine. Il frutto è costituito da una polpa succosa e carnosa molto ricca di acqua, zuccheri, vitamine e sostanze minerali e nella quale si trovano numerosi semini.

 

Proprietà

I fichi d’india sono frutti poco calorici, infatti 100 grammi apportano circa 55 calorie. Bisogna considerare che un singolo frutto può raggiungere un peso tra i 200 e i 400 grammi!!

Per quanto riguarda le proprietà, possiamo dire che:

  • Questi frutti sono ricchi di vitamine, soprattutto vitamina C e minerali tra cui potassio e magnesio.

  • Contengono molte fibre che aiutano la peristalsi intestinali contrastando il problema della stitichezza. Chi consuma regolarmente questi frutti, può notare nel giro di pochi giorni un miglioramento delle proprie funzioni intestinali. Inoltre aumentano il senso di sazietà.

  • Sono utili per assimilare meno grassi e zuccheri tenendo a bada sia la glicemia che il sovrappeso (consigliati come spuntino e vuole perdere chili di troppo).

  • Favoriscono la diuresi, riducono il rischio di calcoli renali.

  • Sono ricchissimi di antiossidanti, sostanze utili al nostro corpo per combattere i radicali liberi e l’invecchiamento cellulare.

 

I fichi d’india in cucina

Dei fichi d’India si utilizzano sia i frutti che le pale (ovvero le foglie della pianta), altrettanto buone e ricche di proprietà. Con i prodotti di questa pianta si possono preparare succhi, marmellate, gelati, granite, sciroppi, frittelle, risotti.

Il gel estratto dalle pale può essere applicato sulla pelle come un vero e proprio cosmetico naturale avendo proprietà cicatrizzante e disinfettante. Estratti di fichi d’india si utilizzano anche per arricchire creme e shampoo dato che sembra possano contribuire ad una maggiore crescita dei capelli.

Controindicazioni

Sconsigliati ai soggetti che soffrono di diverticoli, in quanto i piccoli semini di cui sono composti, potrebbero andare a depositarsi nelle anse intestinali creando infiammazione. E’ sempre meglio non eccedere nel consumo di questi frutti per non avere effetti collaterali indesiderati di tipo gastrointestinale.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Hits: 46