ePub: il libro a portata di dito

ePub: il libro a portata di dito

28 Settembre 2019 Off Di Nicola Adamu

La rivoluzione informatica degli ultimi decenni, che in un primo momento ha agito sul mercato dei giochi e successivamente ha avuto l’impatto che tutti conosciamo nell’ambito della comunicazione, non poteva non colpire uno dei passatempi più antichi in assoluto: la lettura.

Intendiamoci: il fascino delle pagine ‘reali’ da sfogliare, l’odore che la carta produce e il colpo d’occhio che può dare una libreria ben organizzata sono quei piccoli piaceri che nessuna tecnologia potrà mai sostituire; il discorso va inteso nell’ottica di chi, pur apprezzando lo stile classico di lettura, accetta un compromesso votato alla modernizzazione della stessa pur di avere con sé una piccola biblioteca sempre a disposizione.

Quello della lettura digitale, infatti, è un mercato che ‘tira’ senza però aver influito negativamente sulle vendite dei libri tradizionali, contrariamente a quanto avvenuto per l’industria musicale che – per la differente natura del contenuto prodotto – ha dovuto in breve tempo evolversi e modificare i propri standard di vendita.

Tecnicamente parlando, i formati elettronici più comuni propri degli eBook sono il PDF e l’ePub. Mentre il primo ha però una connotazione più generica, prestandosi a una molteplicità di usi che nella maggior parte dei casi esula dalla lettura di un libro, il secondo invece rappresenta dal 2007 lo standard ufficiale in materia di pubblicazione dei libri digitali.

Avendo due tipi di diffusioni diverse, risultano spesso differenti anche le specifiche tecniche di cui i due formati necessitano; i PDF, che sono più frequentemente associati a pubblicazioni medio-brevi come locandine, semplici documenti o periodici, sono ormai onnipresenti e qualsiasi piattaforma è in grado di aprirli senza alcuno sforzo, avendo già integrato al proprio interno un lettore (reader) in grado di interpretarne le specifiche.

Gli ePub, viceversa, sono universalmente riconosciuti come libri digitali e in quanto tali non rappresentano un elemento di fruizione di breve durata; difficilmente nei dispositivi elettronici di largo consumo come PC, tablet o smartphone vengono preinstallati programmi o applicazioni in grado di aprirli, pertanto bisogna apportare qualche piccolo accorgimento per poter procedere alla loro lettura.

Intorno agli ePub, infatti, si è scatenato un vero e proprio mercato che ha portato alla nascita di librerie digitali attraverso le quali si possono compiere gli ordini come si faceva nelle vecchie librerie e procedere alla lettura del libro desiderato nel giro di pochi minuti; tale opportunità va a braccetto con la realizzazione e la conseguente distribuzione di massa dell’eBook Reader, un dispositivo apposito che rispetto a quelli sopraccitati è studiato appositamente per chi ama leggere e vuole farlo in modo da ricreare per quanto possibile l’effetto-libro e garantire un buon livello di riposo per i propri occhi.

Il più noto tra gli eBook Reader è sicuramente il Kindle di Amazon, uno dei prodotti di punta del colosso statunitense che gli ha affiancato una vera e propria piattaforma in grado di consentire, attraverso una semplice connessione wi-fi, di procedere allo scarico degli eBook dallo store, di organizzarli attraverso un piccolo sistema operativo interno e di conservarli in modo da consentirne la lettura anche in modalità offline. Il mercato degli eBook Reader è comunque in continua espansione e non è difficile trovarne qualcuno anche nel megastore di elettronica più vicino a casa vostra.

Chi non volesse affrontare la spesa di un eBook Reader (che si aggira tra i 120 e i 300 euro a seconda delle caratteristiche) può comunque provvedere a scaricare i libri dallo store leggendoli poi nel proprio PC o nel proprio telefono. Ad esempio, la stessa Amazon non vincola all’acquisto di un Kindle, ma mette a disposizione gratuitamente anche l’app per cellulare Amazon Kindle che emula in tutto e per tutto il dispositivo sul proprio smartphone o tablet, costruendo un canale diretto con il negozio digitale da cui acquisire i libri e con la propria libreria personale.

Trattandosi di un file come tutti gli altri, l’ePub può essere anche trasferito tra differenti dispositivi, anche se come detto precedentemente è necessario installare un opportuno software per la sua visualizzazione nel caso di PC, smartphone o tablet. Nel primo caso, è consigliata l’installazione del programma Calibre, acquisibile gratuitamente dal sito calibre-ebook.com, mentre per quanto riguarda smartphone e tablet esistono le app Moon+ Reader e ReadEra per Android e Ebook Reader per iPhone/iPad.

 

 

© Riproduzione riservata 

 

Hits: 33