Le pareti colorate ecco a cosa fare attenzione

Se si vuole dare carattere ad uno o più ambienti della nostra casa, con quella che può sembrare una scelta azzardata potremmo decidere di dar colore alle pareti. In questo breve articolo vedremo insieme come intervenire cercando di dare la giusta importanza senza esagerare creando punti di contrasto che non devono esser casuali ma pensati. Con la giusta scelta cromatica, le pareti colorate trasformano in modo radicale un ambiente e spesso anche il nostro umore. Fantasia e buon gusto non devono mancare, l’errore negli abbinamenti sta nell’esagerare con i toni che possono compromettere la vivibilità di un ambiente rendendolo poco accogliente. Il colore va scelto tenendo ben presente lo stile dominante della nostra casa, ad esempio nel caso si abbiano ambienti moderni si consiglia di accostare colori neutri come il tortora, il beige, e alcuni toni di grigio. La grande difficoltà sta nell’uso di colori forti, una buona regola sarebbe sceglierne uno solo e far si che tutti gli altri risultano combinazioni di tonalità di richiamo. Meglio evitare contrasti o se si vuole osare, consiglio sempre di effettuare una campionatura a parete per testarli onde evitare spiacevoli sorprese. Una parete particolare non è per forza un difficile e complicato insieme di abbinamenti, bastano pochi colori al massimo tre e in questi vanno considerati anche i complementi che eventualmente pensiamo possano entrar a far parte della stanza. Decidiamo il colore, la base poi su questo costruiamo gli abbinamenti più o meno caratterizzanti. Oggi son molto di moda colori quali il tortora, il celeste, il senape, il verde (con diverse tonalità dal color salvia al petrolio), queste tonalità neutre ben si abbinano a diversi stili, dal moderno all’etnico. Il mio consiglio e di scegliere una sola parete, possibilmente che sia di richiamo alla naturale prospettiva dell’ambiente, meglio ancora se la scelta ricade su quella con una maggiore uniformità nell’esposizione alla luce. Questa scelta sarà caratterizzante ma non ingombrante. La nostra scelta non si può basare solo sul gusto personale ma vanno adeguatamente ponderate seguendo le regole basilari. A volte anzi spesso è possibile documentarsi visionando immagini d’esempio sul web o su riviste di arredamento.

Non esiste un colore che non è possibile utilizzare, l’importante e si tengano in adeguata considerazione alcuni fattori. Il primo è la stanza o meglio la destinazione dell’ambiente su cui vogliamo intervenire: I colori possono intervenire sul nostro stato d’animo, i colori caldi ad esempio accelerano il battito, i colori freddi hanno di contro proprietà rilassanti ma riducono la voglia di comunicare, mentre i colori pastello ci rendono ottimisti. Da qui è bene valutare se si vuole, ad esempio nella nostra camera da letto, passione o tranquillità e silenzio. Altra importante capacità del colore e quella di modificare in maniera sostanziale la percezione dello spazio.

I toni forti o scuri non vanno usati in ambienti piccoli poiché tenderebbero a rimpicciolirli quindi da preferire in stanze di ampie dimensioni, mentre i colori chiari hanno la capacità di amplificare lo spazio. I colori più indicati per un soggiorno di ampie dimensioni possono essere i toni del beige e del marrone, di diverse gradazioni. Partendo da questa base la scelta di caratterizzare una sola parete che deve tener conto non solo di quanto già detto ma anche dell’arredo. Se parliamo del living è indicato anche il una gradazione di verde, che ha un effetto stabilizzante dell’umore.

Al verde è possibile abbinare un viola o fucsia, che hanno proprietà calmanti. Nel caso il nostro soggiorno o il nostro living abbiamo uno stile classico opterei per un bel rosso acceso abbinato a colori chiari o a toni di al grigio. Se invece il nostro intervento va fatto in una camera da letto, essendo destinato al riposo sarebbe corretto scegliere tra colori che abbiano proprietà calmanti e rilassanti, come ad esempio i toni dell’azzurro o del rosa. Se la camera è dei più piccoli, essendo questo un luogo di gioco studio e riposo, si può anche optare per un verde.

Fatte queste considerazioni perché farlo? Perché dovremmo colorare le pareti di casa? Prima di chiudere un piccolo e pratico consiglio: se nella scelta abbiamo dubbi cerchiamo ispirazioni su esempi già realizzati possiamo anche utilizzare dei programmi o delle app.

 

Riproduzione Riservata

 

© Riproduzione Riservata - Sardegna Società