La stanza segreta dei desideri

In questo mese di sole, mare e vacanze, voglio presentarvi un luogo segreto che ci permette di creare nuovi progetti, nuove idee, nuovi scenari personali, relazionali e professionali, “la stanza segreta dei desideri”. La stanza segreta dei desideri mi venne in mente qualche anno fa quando cercavo di spiegare agli allievi dei miei corsi, un principio fondamentale della fisica quantistica: il “collasso della funzione d’onda”. Vi spiegherò ora in maniera semplice questo concetto e potrete, se lo vorrete, utilizzarlo sin da subito nella vita di tutti i giorni. La stanza segreta dei desideri è un luogo immaginario che potete evocare in ogni momento e in ogni luogo. Mentalmente immaginate di trovarvi all’interno di una stanza circolare alle cui pareti sono affissi milioni di quadri. Nella stanza esiste un quadro che dipinge ogni possibile realtà.

Ci sono quadri per il vostro nuovo lavoro, per la vostra salute, per le vostre relazioni, per le vostre nuove idee, ecc. Ogni quadro raffigura una ed una sola delle infinite possibilità future. Una volta entrati nella stanza, guardate i quadri intorno a voi e sceglietene uno che rappresenti ciò che desiderate più di ogni altra cosa in quel momento, ad esempio la realizzazione di un nuovo progetto. Una volta scelto il quadro, vi accorgete che tutti gli altri cadono a terra, in fisica quantistica si dice che collassano. Avete in questo modo fatto collassare la funzione d’onda, ossia avete scelto una ed una sola delle infinite realtà possibili. Possiamo entrare nella stanza segreta dei desideri ogni volta che lo desideriamo. Possiamo scegliere ogni volta lo stesso quadro, almeno fino a quando quel desiderio si è realmente realizzato. Vi è però un’unica importante regola. Una volta che scegliete il vostro quadro, ossia la vostra nuova realtà, uscite dalla stanza e non pensateci più. Lasciate che le energie invisibili possano fare il loro lavoro indisturbate, se rimuginate state in qualche modo interagendo con il processo. Attenzione però, potete allo stesso modo scegliere anche delle realtà catastrofiche e allo stesso modo anche queste potrebbero realizzarsi. Questo semplice esercizio, si basa su un principio fondamentale della fisica quantistica: il collasso della funzione d’onda. Fu Erwin Schroedinger che nel 1926 determinò l’importante equazione che permette di determinare tutti i possibili stati di una particella. È proprio nel momento della nostra scelta che determiniamo il collasso della funzione d’onda e la scelta di una ed una sola delle possibili infinite realtà. Noi abbiamo la responsabilità di scegliere e proprio nel momento della scelta si determina il nostro nuovo destino.

Buona scelta e buone vacanze.

 

Riproduzione Riservata

 

© Riproduzione Riservata - Sardegna Società