I consigli di Silvia per il tuo autotrucco: L’OMBRETTO

Abbiamo applicato la matita per gli occhi e siamo finalmente pronte a rendere il nostro sguardo più luminoso utilizzando l’ombretto. Questo importantissimo cosmetico, che ci permette di creare dei giochi di luci e ombre, dona profondità e ci consente persino di correggere alcuni difetti dell’occhio.
Prima di tutto devo dirti che lo puoi trovare sia nella formulazione in crema (da evitare sulle pelli grasse) sia in polvere.

Adesso ti spiego quali strumenti devi usare e come stenderlo.

STRUMENTI
Per applicare l’ombretto ti servono almeno due pennelli (uno a lingua di gatto e uno da sfumatura), attenzione a distinguere quelli che usi per le polveri chiare e scure.

APPLICAZIONE
La regola d’oro dell’ombretto è: sfumare, sfumare, sfumare!

Infatti, i tratti netti non sfumati creano soltanto una macchia che appesantisce e mortifica l’occhio. Il tuo scopo, invece, deve essere quello di renderlo tridimensionale e profondo.

Per fare ciò devi aver presente la regola del CHIAROSCURO PALPEBRALE.
Devi cioè riprendere le naturali ombre e luci già presenti. Se osservi le palpebre senza trucco, vedrai che la piega palpebrale, quella dove palpebra mobile e fissa si incontrano (incavo), presenta un’ombra; lì devi intensificare con l’ombretto più scuro.

La palpebra mobile (quella che si apre e si chiude) dovrà risultare invece più chiara, così come la zona sotto l’arcata sopracciliare.

Ti occorrono almeno tre tonalità di ombretti: chiaro, medio e scuro.

Sfumali fino a fonderli insieme.

Facciamo l’esempio della scala del marrone; ti serve un beige-panna, un marrone medio-bronzo e un marrone scuro.
A questo punto, applica un po’ di ombretto anche sulla rima inferiore dell’occhio, senza eccedere. Non slanciare troppo la sfumatura esterna verso l’alto e non portarla oltre le sopracciglia, ma vai in orizzontale.

 

CONSIGLI FINALI
Evita di applicare lo stesso colore delle iridi (a meno che tu non abbia occhi castani): appiattisce e rende anonimo il trucco. Se hai occhi verdi o azzurri scegli tonalità che contengano una componente rossastra (prugna, ramato, bronzo).

Evita ombretti perlescenti se hai la pelle matura.

I colori “universali” sono: la scala del marrone, il bronzo e l’avorio.

 

Riproduzione Riservata

 

© Riproduzione Riservata - Sardegna Società