Sii te stessa e indossa il tuo sorriso migliore

Ci deliziamo nella bellezza della farfalla, ma raramente ammettiamo i cambiamenti a cui ha dovuto sottostare per raggiungere quella bellezza.
Maya Angelou

 

Ricordi ancora quando da bambina restavi in disparte mentre gli altri giocavano?

Ricordi tutti gli sforzi nell’accontentare le aspettative altrui? O quando ti dicevano di vestirti in un determinato modo o comportarti secondo canoni stabiliti?

Per lungo tempo avevi vissuto in una campana di vetro, mentre guardavi il mondo esterno senza poter interagire. Eri quella strana, la “diversa”, il maschiaccio. Ti sentivi vuota, priva di un’identità tua.

E nonostante tutto, mai avevi smesso di tendere la mano. Preferivi mettere da parte la tua felicità, i sogni e i desideri. Eppure, le delusioni avanzavano, come un fiume in piena. Ognuna di esse rappresentava una coltellata in pieno petto. Quel dolore così difficile da gestire all’inizio diventò sempre più flebile.

Anche nelle notti più buie, dopo aver deposto la pesante corazza, continuasti a scorgere quel barlume di speranza, attaccandotici con forza.

Decidesti di intraprendere un percorso alternativo, una ricerca interiore tale da metterti in contatto con la parte più intima di te. Un luogo inesplorato, sconosciuto. Imparasti a conoscere i lati del tuo carattere, a comprendere quali lati smussare. Fu quello il tuo modo di dire “basta”.

Mettere al primo posto se stessi non era egoismo: bensì un atto di amore.

Una volta compiuto il passo, tutto appare in modo differente.

Assapori un nuovo senso di libertà, di pace, di vita. Non è il mondo a cambiare: sei tu ad esserti trasformata in splendida farfalla dai colori sgargianti.

Sii orgogliosa di quelle smagliature che solcano la tua pelle: sono segni di maturità.

Sii fiera dei salti nel vuoto: ti hanno aperto gli occhi.

Sii te stessa e indossa il tuo sorriso migliore: sei bella così come sei.

Tu sei tu. E nessun’altra.

Forte, sicura, indipendente e coraggiosa. Sempre e comunque.

 

 

Riproduzione Riservata

 

© Riproduzione Riservata - Sardegna Società