Tra le bellezze della Basilica di San Pietro di Sorres

Borutta si trova in provincia di Sassari, in una piccola valle tra la falda meridionale del monte Pelao e lo sperone sul quale si innalza la celebre Basilica di San Pietro di Sorres.

Il villaggio ha probabili origini altomedioevali, legate alla scomparsa città di Sorres. L’impianto urbanistico ha conservato l’assetto tradizionale. Il monumento di gran lunga più bello, importante e storicamente significativo, è la Basilica di San Pietro di Sorres, che sorge vicino al colle e fu la sede della diocesi di Sorres.

La struttura venne edificata nei secoli XII-XIII come Cattedrale. Si tratta di un significativo esempio di stile romanico-pisano. I resti del nuraghe trilobato, presenti sul retro della struttura, fanno supporre che il colle fosse un punto strategico-militare.

La costruzione avvenne a più riprese; i lavori iniziarono presumibilmente nel 1170 e terminarono entro il 1250. La facciata, con i suoi tre ordini di arcate e l’altissimo timpano, è ricca di simbolismi; si tratta di un vero sunto di teologia, anche per i meno esperti. L’interno ha tre navate ed è scandito dalla bicromia di conci chiari in calcare e scuri in trachite. Il presbiterio è sopraelevato e l’altare è ricco di marmi pregiati del XIII secolo.

L’edificio venne gradualmente abbandonato a partire dal 1500. Per evitarne il logorio vennero attuati diversi interventi di restauro, fino al 1947, quando venne nuovamente occupato da una comunità benedettina. Da allora San Pietro è abbazia benedettina. Si tratta dell’unico esempio in Sardegna di un monastero medioevale che ha avuto nuova vita in epoca moderna. Oltre al culto e l’attività del laboratorio di restauro del libro, i monaci esercitano una forma di ospitalità che rientra in quello che oggi viene chiamato ‘turismo religioso’.

La celebrazione della festa di San Pietro si svolge il 29 giugno, ed è molto sentita dagli abitanti di Borutta. Tanti pellegrini e fedeli raggiungono Sorres con una lunga e bellissima processione a piedi, a cavallo, con abiti tradizionali.

 

Riproduzione Riservata

© Riproduzione Riservata - Sardegna Società