La tecnica del pomodoro come gestione del nostro tempo

Una tecnica molto efficace per la gestione del nostro tempo personale e professionale è quella del pomodoro.

Il pomodoro è un timer che sicuramente avrete visto in cucina e che serve come segnatempo. Oggi esistono timer da cucina di varie forme. Si imposta un tempo caricando il timer e si aspetta che suoni ricordandoci ad esempio di togliere la pasta dal fuoco o di spegnere il nostro forno. Fu ideata da Francesco Cirillo alla fine degli anni 80 e costituisce un efficace metodo per gestire il nostro tempo. La tecnica prevede di utilizzare un determinato lasso di tempo ad esempio 20 minuti, al fine di dedicarci ad un compito specifico in maniera completa ed indisturbata.

Quando lavoriamo, siamo spesso interrotti da una serie di segnali di distrazione che provengono dall’ambiente circostante come ad esempio, e-mail, messaggi, notifiche, telefonate, persone, ecc.

Ognuna di queste interferenze contribuisce a farci distrarre dal compito sul quale stiamo lavorando in quel momento, togliendoci concentrazione ed allungandone la tempistica di realizzazione. La tecnica, invece, prevede di gestire in maniera completa quel compito con la concentrazione e la resa massima.

Vediamo un esempio che può essere applicato sia alla vita privata, sia alla vita lavorativa. Se ho necessità di lavorare su un determinato compito, imposto un timer ad esempio a 20 minuti.

Prima regola: durante quei venti minuti nessuno può disturbarmi, non esistono e-mail, messaggi o altro. In quel lasso di tempo mi dedico esclusivamente al mio compito.

Seconda regola: se dovessi venir interrotto da una persona che entra nella mia stanza inavvertitamente, informo la persona che non posso prestarle attenzione (a meno di un evento grave) ed imposto nuovamente il timer su 20 minuti.

Terza regola: se ho necessità di più tempo imposto più slot da 20 minuti.

Quarta regola: mi concedo una pausa di 10 minuti solo dopo ogni singolo slot.

Questa tecnica, se eseguita correttamente, mi permette di dedicarmi completamente a ciò che sto facendo senza distrazioni, con la massima concentrazione possibile e di conseguenza la miglior resa.

I livelli di attenzione rimangono alti, la frustrazione scompare poiché riesco a chiudere tante attività.

Posso utilizzare gli slot da 20 minuti per attività personali: meditare, studiare, ascoltare musica, fare yoga, ma anche per le mie attività lavorative che posso suddividere in compiti ai quali dedico uno o più slot di tempo.

Il senso è quello di prendersi ogni slot in maniera completa senza interferenze esterne dedicando tutte le risorse ed energie al mio compito. Il vantaggio è che possiamo assolvere alle nostre scadenze in tempo e soprattutto ricavarci del tempo personale per il nostro relax.

Vi consiglio quindi di utilizzare un timer (anche quello del cellulare va bene) e di impostare il vostro lavoro tenendo conto che in ogni slot da 20 minuti ci siete solo voi, solo il vostro compito, nessuno può disturbarvi. È una tecnica semplice ma molto efficace che utilizzo quando devo chiudere tante attività in poco tempo e che oggi viene insegnata anche nelle aziende a fine di ottimizzare la gestione del tempo di team e persone.

Vi auguro il meglio!

 

Riproduzione Riservata

 

© Riproduzione Riservata - Sardegna Società