Lettere al lettore: La forza per intraprendere il viaggio

Nel corso della vita si presentano situazioni che possiamo paragonare a “intraprendere un viaggio”.

Nella vita sovente è necessario avere forza e volontà per intraprendere il viaggio.

Miyamoto Musashi

 

I passi pesanti riecheggiano tra quelle mura diventate sconosciute. Vaghi senza una meta, mentre il senso di inquietudine e di immobilità ti corrodono dall’interno. Afferri con forza le sbarre invisibili lasciando sfogare ogni fibra del tuo essere. Tu, che fino a poco tempo prima, eri abituata a vivere la vita senza restrizioni, ora ti aggiri come un leone in gabbia. Tutto appare così stretto da impedirti il respiro. Cerchi di risalire dalle profonde acque dell’incertezza, ma la paura dell’ignoto ti spinge verso il basso. Abbandoni la presa, cullandoti tra le braccia del vuoto. D’improvviso, avverti qualcosa. Uno, due, tre battiti. Intensi, veloci. Vorresti galleggiare nell’oblio. Eppure una voce ti incita a seguirli. Poi, tra le crepe, un bagliore. Caldo, avvolgente, rassicurante. Il torpore scompare e una nuova consapevolezza si fa largo. Ed è proprio nei momenti in cui tutto è offuscato, che ogni cosa appare nella sua definizione. Scruti quei dettagli a cui non avevi dato peso in passato, rendendoti conto di esserti persa le piccole gioie che la vita offre. Quello che sei diventata oggi è il risultato degli errori commessi. Accettarli e lasciarli andare, vuol dire essere in pace con te stessa. Solo così, potrai ritrovare la speranza in un cambiamento, in un mondo migliore. Fermarsi a riflettere, comprendere chi sei, aprire le menti ed essere consapevoli, sono le chiavi affinché si possa affrontare il presente e il futuro con leggerezza, coltivando amore, tolleranza e altruismo. Sii il fertile terreno su cui fondare nuove radici. Sii l’acqua che con pazienza segna la propria via. Arrampicati fin sulla cima della montagna senza temere la caduta.

 

Riproduzione Riservata

 

© Riproduzione Riservata - Sardegna Società