Estate 2020: ecco le regole che si dovranno osservare negli stabilimenti balneari

Sarà un’estate molto particolare quella che ci apprestiamo a vivere, ci vorrà tanta pazienza nell’osservare le nuove regole restrittive che vigeranno sulle spiagge e una discreta dose di buon senso che ci permetterà di affrontare tutto con serenità e comprensione.

I più preoccupati sono evidentemente i titolari degli stabilimenti balneari. Per loro l’INAIL, in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità, ha pubblicato delle linee guida utili in questi mesi propedeutici alla riapertura.

Per quanto riguarda l’accoglienza degli utenti, viene caldamente consigliato l’utilizzo di sistemi di prenotazione, anche per fasce orarie, allo scopo di evitare assembramenti nelle ore di punta. Alle casse sarà bene favorire l’utilizzo di strumenti di pagamento veloci come carte contactless e i percorsi in entrata e uscita dovrebbero essere differenziati con segnaletiche chiare disposte nelle pareti e nei pavimenti.

Nella zona ombreggio e solarium i proprietari degli stabilimenti dovranno procedere ad una ridefinizione del layout degli spazi: la distanza minima suggerita tra le file degli ombrelloni è pari a 5 metri e quella tra gli ombrelloni della stessa fila è pari a 4,5 metri. Per le cabine è vietato l’uso promiscuo, ad eccezione dei membri del medesimo nucleo familiare, e nell’utilizzo dei servizi igienici e delle docce andrà rispettato il distanziamento sociale di almeno 2 metri, a meno che non siano presenti barriere separatorie fra le postazioni.

L’INAIL si è espressa anche sull’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale e sulla pulizia degli ambienti. Gli utenti dovranno indossare la mascherina all’arrivo e fino al raggiungimento della postazione assegnata, oltre che in uscita dallo stabilimento. Negli stabilimenti dovranno essere presenti dei dispenser per l’igiene delle mani, dovrà essere eseguita una regolare e frequente sanificazione delle attrezzature (sedie, lettini, ecc.) e delle docce, che saranno previste esclusivamente all’aperto. Per tutte le misure specifiche da applicare, si consiglia la lettura del rapporto ISS-COVID-19 n. 19/2020.

 

Riproduzione Riservata

 

© Riproduzione Riservata - Sardegna Società