Reinventare la nostra vita

Cari lettori, questo mese voglio parlarvi di quali passi occorre fare per dare una nuova direzione alla vostra vita attraverso la realizzazione di un nuovo progetto, un nuovo lavoro, una nuova idea. Prima o poi arriva sempre un momento in cui è necessario prendere una nuova decisione, cambiare strada, affrontare un nuovo scenario. Tante volte siamo però bloccati da convinzioni limitanti quali “Chi lascia la via vecchia per la nuova, sa quel che lascia, e non sa quel che trova”. A mio avviso però, questa affermazione costituisce un ostacolo alla realizzazione di nuovi progetti e nuove idee. Non si tratta di lanciarsi senza paracadute nel vuoto, ma di avere il coraggio di lanciarsi con il paracadute in una nuova avventura che può migliorare la nostra vita. Se mai provi, caro lettore, mai saprai se quella strada è per te. La paura ci blocca costantemente e ci hanno inculcato l’idea di essere sempre prudenti, di accontentarci. Se Alex Zanardi si fosse rassegnato, non sarebbe il campione paraolimpico che tutti conosciamo. Si sarebbe rassegnato alla sua condizione e non avrebbe osato percorrere nuove strade, nuovi modi di fare e di vivere il mondo. Così pure per Simona Atzori, nata senza braccia e diventata una ballerina, una pittrice e una scrittrice di successo. Questi esempi ci fanno pensare.

Cosa ci manca per avere il coraggio di cambiare lavoro, di pubblicare quel libro nel cassetto di dar spazio ad una nuova idea creativa? Solitamente ci blocchiamo perché non ci sono ben chiari alcuni passi fondamentali da fare. Per cambiare e realizzare un risultato concreto nella nostra vita, dobbiamo prima di tutto decidere quale nuovo lavoro fare, quale progetto realizzare, a qual idea vogliamo dare spazio. Il primo passo è nella decisione. Come Coach incontro tanti clienti che si bloccano a questo primo fondamentale passo: che cosa vuoi fare? Generalmente la risposta è estremamente confusa, nebulosa. Questo primo passo è fondamentale altrimenti rimarrai sempre ai blocchi di partenza. Per prima cosa decidi cosa vuoi realizzare, in quale direzione vuoi andare, ma decidilo sul serio. Quando prendi una nave per spostarti da un luogo ad un altro, è necessario avere ben in mente la destinazione. Se non sai dove vuoi andare, il viaggio è bloccato in partenza, sei sempre fermo. Prenditi il tempo di definire, con quanta più precisione possibile, il tuo prossimo obiettivo. Prendi carta e penna e decidi, scrivendo in MAIUSCOLO quale è il tuo obiettivo. Se non fai questo passo e lo lasci solo nella tua testa, allora rimarrai nella confusione, scrivere ti aiuta tantissimo a focalizzare e vedere nero su bianco ciò che desideri. Il secondo passo è quello di attivare la visualizzazione del tuo prossimo obiettivo, qualunque esso sia. Questo è un altro passo fondamentale, spesse volte non conosciamo bene i meccanismi di funzionamento del nostro cervello. Ricordati sempre che il tuo cervello intraprende sempre la via a minore resistenza. L’esempio che faccio solitamente ai miei clienti è quello del campo d’erba. La prima volta che si percorre un campo d’erba non esiste una strada definita. Devo scegliere la strada più breve che mi porta da un punto all’altro del campo. Fatto questo, inizio a percorrere la nuova strada ogni giorno, costantemente. Dopo poco tempo (circa 28 giorni per il nostro cervello), quel sentiero iniziale, diventa una strada definita. Allo stesso modo, nel cervello si creano nuove vie neurali che giorno dopo giorno, diventano sempre più spesse andando a diminuire la loro resistenza elettrica. In virtù di quanto detto sopra, il secondo passo che dovrai fare è visualizzare (immaginare utilizzando tutti i tuoi 5 sensi) quanto più vividamente possibile l’obiettivo che vuoi raggiungere, qualunque esso sia. L’ultimo passo è la pianificazione. Pianificare significa mettere nero su bianco tutti gli step che ti occorreranno per raggiungere il tuo obiettivo. Vediamo un esempio per capire meglio: Voglio scrivere un libro

Passo 1 – desiderare: scegli fra i tuoi desideri ciò che vuoi realizzare per primo e farlo con precisione, ad esempio scrivere un libro.

Passo 2 – visualizzare: visualizza con quanti più dettagli possibili ogni aspetto del libro, dal titolo, alla copertina, al tuo nome scritto in cima della copertina, ai capitoli e relativi titoli, alla conclusione, al prezzo, ecc.

Passo 3 – pianificazione: decidi di pubblicare il tuo libro entro e non oltre, ad esempio, il 31 dicembre del 2020. Ogni giorno, dal lunedì al venerdì scriverai almeno 3 pagine. La mattina scriverai per almeno 2 ore, la sera ti documenterai per almeno 1 ora. Nel punto 3 è insita anche l’azione perché vi sono descritte le macro azioni che dovrai compiere ogni giorno per arrivare alla data del 31 dicembre con il libro concluso, pronto per essere consegnato all’editore. Bene, ora che hai una traccia dalla quale partire, sta a te intraprendere il primo passo. Ti auguro che possa realizzare tutti i tuoi futuri progetti. Buona vita, sempre!

 

Riproduzione Riservata

 

© Riproduzione Riservata - Sardegna Società