Ad multos annos, i 93 anni del Papa Emerito

 

Benedetto XVI oggi compie 93 anni, un giorno di festa per la Chiesa, per i cattolici e per i tanti che hanno imparato ad apprezzare un pastore dolce ma fermo, e un uomo che ha conquistato per la limpidezza del pensiero e la mitezza del profilo umano oltre che per il suo pensiero teologico e filosofico. La Sardegna lo ricorda quando  il 7 settembre 2008, si fece pellegrino tra i pellegrini a conclusione dei festeggiamenti per il Primo Centenario dalla proclamazione della Madonna di Bonaria a Patrona Massima della Sardegna. La presenza di Benedetto XVI solennizzò quel momento celebrativo: “La vostra Isola, cari amici della Sardegna, non poteva avere altra protettrice che la Madonna. Lei è la Mamma, la Figlia e la Sposa per eccellenza: “Sa Mama, Fiza, Isposa de su Segnore”, come amate cantare.”
E concludeva: Maria è porto, rifugio e protezione per il popolo sardo, che ha in sé la forza della quercia. Passano le tempeste e questa quercia resiste; infuriano gli incendi ed essa nuovamente germoglia; sopravviene la siccità ed essa vince ancora. Rinnoviamo dunque con gioia la nostra consacrazione ad una Madre tanto premurosa. Le generazioni dei Sardi, ne sono certo, continueranno a salire al Santuario di Bonaria per invocare la protezione della Vergine. Mai resterà deluso chi si affida a Nostra Signora di Bonaria, Madre misericordiosa e potente. Maria, Regina della Pace e Stella della speranza, intercedi per noi. Amen !

 

Cenni Biografici

Laureatosi in filosofia e teologia all’Università Ludwig Maximilian, nel 1951 è ordinato sacerdote e si vede assegnate diverse cattedre in prestigiosi atenei. La fama di teologo gli spalanca le porte del Concilio Vaticano II nel 1962, dove sostiene le proprie posizioni riformatrici. Fondatore nel 1972 della rivista teologica Communio, oggi pubblicata in diciassette lingue, cinque anni dopo viene nominato cardinale da Paolo VI.

Presente nel conclave per le elezioni di papa Luciani e Giovanni Paolo II, da quest’ultimo nel 1981 è nominato prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, incarico che ricopre per 25 anni, fino al 19 aprile 2005, data della sua elezione al soglio pontificio, quale duecentosessantaquattresimo successore di Pietro. La scelta del nome non è casuale, richiamandosi a Benedetto XV, chiamato a guidare la Chiesa in un periodo travagliato a causa del primo conflitto mondiale, e a San Benedetto da Norcia, molto venerato nella sua Baviera.

Nel Magistero del Papa Emerito sono tre le encicliche che lasciano il segno: Caritas in veritate (29 giugno 2009) – Spe salvi (30 novembre 2007) – Deus caritas est (25 dicembre 2005).

Provato nel fisico, l’11 febbraio del 2013 arriva l’inattesa rinuncia che scuote l’opinione pubblica mondiale, mostrando allo stesso tempo un segno profondo di amore alla Chiesa: “Dopo aver ripetutamente esaminato la mia coscienza davanti a Dio, sono pervenuto alla certezza che le mie forze, per l’età avanzata, non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero petrino. Sono ben consapevole che questo ministero, per la sua essenza spirituale, deve essere compiuto non solo con le opere e con le parole, ma non meno soffrendo e pregando. Tuttavia, nel mondo di oggi, soggetto a rapidi mutamenti e agitato da questioni di grande rilevanza per la vita della fede, per governare la barca di san Pietro e annunciare il Vangelo, è necessario anche il vigore sia del corpo, sia dell’animo, vigore che, negli ultimi mesi, in me è diminuito in modo tale da dover riconoscere la mia incapacità di amministrare bene il ministero a me affidato. Per questo, ben consapevole della gravità di questo atto, con piena libertà, dichiaro di rinunciare al ministero di Vescovo di Roma, Successore di San Pietro, a me affidato per mano dei Cardinali il 19 aprile 2005”.

 

 

 

 

© Riproduzione Riservata - Sardegna Società