Cosa trovo al mercato nel mese di Marzo ?

Nel mese di Marzo nei mercati troviamo ancora gli agrumi come arance, mandarini e limoni, mentre tra le verdure abbiamo ampia scelta tra quella bianca (cavolo, cavolfiore, broccoli, cavolo verza e i finocchi), quella verde (cicoria, le varie insalate, i porri, gli spinaci, i carciofi e la rucola) e quella rossa (radicchio e rape rosse). Concentriamo la nostra attenzione su una verdura verde primaverile di cui le nostre terre sono ricche in questo periodo, ovvero gli asparagi.

 

Proprietà nutrizionali

Gli asparagi sono ortaggi ipocalorici e 100 grammi apportano circa 41 calorie. Sono adatti per le diete in quanto poveri di grassi e non hanno colesterolo. Gli asparagi sono ricchi di fibre vegetali, acido folico e vitamina A, vitamina C e vitamina E. Presentano inoltre un alto contenuto di sali minerali, tra i quali il cromo (permette di migliorare la capacità dell’insulina di trasportare il glucosio dal flusso sanguigno verso le cellule del nostro organismo) e il potassio (importante per la regolazione della pressione sanguigna e per il funzionamento dei muscoli). Gli asparagi sono anche ricchi di antiossidanti, caratteristica che li rende tra i vegetali maggiormente utili a contrastare i segni dell’invecchiamento. Un amminoacido molto presente in questa verdura è l’asparagina, un diuretico naturale, che permette all’organismo di espellere il sodio in eccesso.

 

Curarsi con gli asparagi

Gli asparagi sono tra gli alimenti indicati per prevenire il diabete di tipo 2, in quanto sono in grado di agire favorendo la produzione di insulina e diminuendo i livelli di glucosio nel sangue. Aiutano a favorire la depurazione dell’organismo, migliorando la sua capacità di liberarsi di sostanze dannose e di componenti cancerogeni, oltre che dei radicali liberi, grazie alla presenza di una sostanza denominata glutatione in essi presente. Un’altra proprietà benefica attribuita agli asparagi riguarda la loro potenziale capacità di aiutare il nostro cervello a contrastare il declino cognitivo. Gli asparagi sono considerati benefici per l’apparato digerente per via del loro contenuto di inulina, una tipologia di carboidrato che giunge intatto all’intestino e che rappresenta un nutrimento per la flora batterica, in particolare per i lactobacilli. Oltre a supportare la digestione, questa verdura è considerata un vero e proprio antinfiammatorio naturale. Questi ortaggi sono inoltre ottimi, all’interno di una dieta corretta, per migliorare digestione e regolarità intestinale (ottimi per chi soffre di stipsi).

 

Controindicazioni

Le persone allergiche alle piante della famiglia delle Liliacee (a cui appartengono anche cipolla, aglio e porro) devono evitare di mangiare asparagi. Sconsigliati anche a chi soffre di calcoli o disturbi ai reni dato che si tratta di alimenti ricchi in purine. Tra gli “effetti collaterali” degli asparagi vi è l’odore caratteristico che assume l’urina dopo il loro consumo, dovuto semplicemente alla presenza di asparagina.

 

 

Riproduzione Riservata

 

© Riproduzione Riservata - Sardegna Società