Mai abbattersi semmai sperare e confidare

Carissimo Direttore

Sono Paola vivo a Lucca, sono giorni abbastanza pesanti quelli che stiamo vivendo, una vera prova emotiva da sopportare. E’ angosciante accendere la tv, sembra che non ci sia altro di cui parlare, non esiste speranza, soltanto la crescente angoscia di sapere che i numeri crescono, mentre le testate non fanno altro che aumentare la paura. Non abbiamo più contatti, ci manca fermarci a chiacchierare, ad abbracciare una persona, quelli che vediamo sono sorrisi tiepidi, misti a preoccupazione e ansia. Nei Market oltre la fila avverto l’ansia di chi fa la spesa in fretta e furia, tra guanti, mascherine, in più ora non possiamo uscire di casa se non per brevi tratti o a certe condizioni.

Ci potrebbe incoraggiare, la prego !

Grazie. Paola

 

Carissima Paola,

le do ragione su tutto. Purtroppo sono giorni pesanti sotto il profilo sanitario e psicologico, è palpabile la sofferenza, l’angoscia nei nostri volti, in quelli dei nostri amici e delle comunità. In tutto questo non deve mai mancare in noi la speranza che presto tornerà il sereno su questa vicenda, seppur lascerà delle forti criticità a livello sociale ed economico. La speranza allora è un bene capace di capovolgere in meglio le vite di tutte le persone ed è un ribaltamento positivo della condizione psicologica e di vita di ciascuno di noi. Questo tempo possa essere l’occasione in cui facciamo ciò che avevamo detto di fare in un secondo momento. Occorre allora distogliere lo sguardo dalla Tv per concentrarci, seppur non sia facile, in qualcosa che per un attimo ci faccia dimenticare questa vicenda, ne andrà a beneficio della nostra salute mentale. Diceva Guareschi in Don Camillo: “Ci ricorderemo della fratellanza che ci ha unito in queste ore terribili”. Ecco allora i due punti che non dobbiamo dimenticare: “Sperare”, “Confidare”. Confidare nei nostri medici e di tutto il comparto sanitario e scientifico, veri eroi di questa brutta vicenda. Sperare che “presto il sole tornerà a splendere” nella vita di ciascuno di noi.

 

 

 

Riproduzione Riservata

 

 

 

© Riproduzione Riservata - Sardegna Società