Cadi sette volte, rialzati otto

Conosco l’oscurità che ti avvolge.

Conosco quel senso di soffocamento che lentamente offusca ogni raziocinio, quelle pesanti catene che ti trattengono sul fondo.

Ti svegli ogni mattina e mentre ti guardi allo specchio, scorgi solo il riflesso di un’immagine sbiadita.
Tutte le speranze, le sicurezze, le ancore create nel corso degli anni sono crollate, spazzate via, lasciando cumuli di macerie.

Nonostante l’età, hai deciso di resistere, di farti carico di un enorme peso. Non ti sei data per vinta, ti sei rimboccata le maniche, hai bussato a ogni porta, vedendole chiudere ogni volta.

Non arrenderti. Abbandonarti alla delusione e alla rassegnazione vuol dire proseguire nella direzione sbagliata.
Continua ad avere fiducia in te stessa e nelle tue capacità.

Il sistema in cui viviamo ci impone di essere degli automi, perfetti. Siamo dei semplici umani e come tali meritiamo il massimo rispetto e amore. Tuttavia, se siamo i primi a buttare la spugna, come possiamo pretendere che gli altri ci guardino con occhi diversi?

La vita è un susseguirsi di problemi e per ognuno di essi esiste una soluzione.
Fermati quando la situazione non procede come tu vorresti e rifletti. Cosa potresti fare per migliorarla?

Cambiare prospettiva vuol dire prendere coscienza di tutte le sfaccettature, allargare i propri orizzonti. A seconda di come ti porrai, tutto assumerà un significato differente.

Hai visto fin dove sei arrivata? Quanta strada hai percorso? Ecco. Sii orgogliosa di ogni semino piantato e dei frutti che arriveranno.

Non aggrapparti a inutili chimere. Finisci per trascurare te stessa, i tuoi affetti e il mondo intorno.

Ascolta il tuo istinto: ti indica il cammino, ti mette in guardia, ti consiglia.

Cadi tutte le volte che sarà necessario e rialzati con nuova forza, perché meriti di più.

 

 

Riproduzione Riservata

 

© Riproduzione Riservata - Sardegna Società