Testamento a favore degli animali da compagnia

Quante volte abbiamo sentito alla televisione notizie di cani e gatti che, in Paesi come gli Stati Uniti, sono diventati ricchi per le eredità ricevute dai proprietari defunti.

E IN ITALIA? Da noi un proprietario può fare testamento in favore dei suoi amici a quattro zampe, in modo che siano accuditi dopo la sua morte?

In realtà, nel nostro Paese gli animali non hanno la capacità giuridica di ricevere beni ereditari. Possono essere nominati eredi soltanto le persone. Quindi, diversamente da quanto accade altrove, non è possibile testare direttamente in favore di un amico a quattro zampe, nonostante sia considerato a tutti gli effetti dal proprietario come un membro della famiglia.

Ti interesserà sapere che esiste comunque la possibilità di garantire loro tutte le cure e le attenzioni di cui hanno bisogno anche dopo la morte del proprietario.

Infatti, è possibile:

1) nominare, con testamento, un familiare o una persona di fiducia, erede universale, vincolandolo all’obbligo di accudire l’animale domestico per tutta la sua vita;
2) nominare, con testamento, quale legatario una persona di fiducia lasciandogli parte dell’eredità in modo che con questa possa accudire l’animale rimasto solo;
3) nominare, sempre con testamento, una associazione animalista specificamente indicata, come erede, destinando l’eredità o parte di essa alla cura dell’animale domestico ma anche di molti altri animali abbandonati e bisognosi.

In tutti questi casi è necessario specificare puntualmente le modalità di svolgimento di questo importante compito.
È anche opportuno nominare un esecutore testamentario (una persona fisica o giuridica) che dovrà occuparsi di verificare che le somme indicate dal defunto siano effettivamente usate per il benessere del cane o del gatto. Ove ciò non accada questi potrà richiedere al Giudice la revoca del lascito del defunto.

 

Consiglio: prima di muovervi in questa direzione, rivolgetevi ad un avvocato o ad un notaio per una consulenza.

 

 

© Riproduzione riservata

 

© Riproduzione Riservata - Sardegna Società