Università e Polizia assieme contro la violenza di genere

Prosegue e si rafforza il percorso istituzionale formativo e sociale sul territorio. Domani il camper della Questura è in Cittadella Universitaria a Monserrato per un contatto diretto con la popolazione dell’ateneo e i cittadini. “Siamo da sempre vicini a iniziative e istanze di pregio volte a sensibilizzare, informare e rafforzare il senso civico” dice Vito Lippolis

 

Domani 14 febbraio, dalle 9 alle 13, l’area antistante la piazza centrale della Cittadella universitaria di Monserrato, ospita il camper e il gazebo della Polizia di Stato. L’équipe multi-specialistica sarà a disposizione di studenti e studentesse, docenti, personale amministrativo, tecnico e bibliotecario. L’iniziativa è stata organizzata grazie alla collaborazione con l’Università di Cagliari, e in particolare, con il pro rettore Vito Lippolis. È prevista l’installazione di un punto informativo dove il personale della Divisione Polizia anticrimine con la dirigente Catia Paganelli, della Squadra mobile, dell’Ufficio denunce e dell’Ufficio sanitario della Questura di Cagliari, insieme agli psicologi e ai rappresentanti dei locali centri antiviolenza, sono a disposizione per fornire sia un supporto qualificato alle donne vittime di violenza, sia consigli e informazioni utili agli utenti.

 

L’ateneo da sempre in prima fila contro discriminazioni e soprusi

L’ateneo di Cagliari sotto la guida del rettore Maria Del Zompo ha rimarcato il supporto e la precisa volontà di sostenere e promuovere azioni ed eventi sostanziali per rimarcare inclusione, socializzazione e atteggiamenti estranei nella forma e nei fatti a qualsiasi tipo di violenza. Il tutto, anche grazie all’intesa tra la professoressa Del Zompo e il questore di Cagliari, Pierluigi D’Angelo, con particolare attenzione al mondo femminile e alla lotta alle violenze e discriminazioni di genere. “Siamo da sempre vicini a iniziative e istanze di pregio volte a sensibilizzare, informare e rafforzare il senso civico, democratico e solidaristico” dice Vito Lippolis. Il professore e pro rettore delegato per il presidio di Monserrato, con il suo team, ha dato piena disponibilità alla Polizia per l’evento che si tiene domani.

 

Progetto camper e San Valentino: occasione propizia per ribadire un no secco alle violenze di genere
“Il giorno di San Valentino rappresenta una data fortemente simbolica, che offre una delle migliori occasioni per affermare l’impegno della Polizia contro la violenza di genere. Nell’ambito della nostra campagna permanente “…Questo non è amore”, l’equipe multidisciplinare già positivamente sperimenta in occasione del “Progetto Camper – Il camper della Polizia di Stato contro la violenza di genere”, è presente domani in Cittadella. Il progetto ha come finalità – spiega Veronica Madau, portavoce stampa della Questura – la creazione di un contatto diretto con un’equipe multidisciplinare specializzata, fatta di psicologi, medici, poliziotti e operatori dei centri antiviolenza, pronti sia a raccogliere le testimonianze di chi, spesso, ha paura di denunciare o di varcare la soglia di un ufficio di Polizia, ma anche a fornire informazioni sui possibili strumenti di tutela per prevenire e contrastare condotte persecutorie, vessatorie e violente. Piazze, scuole, università, centri commerciali e mercati diventano teatro di momenti di incontro con ragazze, donne, ma anche uomini che hanno consentito spesso di far emergere un dolore sommerso”.

 

© Riproduzione Riservata - Sardegna Società