Manovra di bilancio 2020: Ecco le novità per famiglie e consumatori

La Legge di bilancio 2020, il collegato decreto fiscale e il cosiddetto “mille proroghe” hanno introdotto rilevanti novità per le famiglie e per i consumatori. Cerchiamo di vedere quelle che, a nostro parere, avranno un impatto più diretto nella vita quotidiana dei cittadini.

Iniziamo dagli aiuti alla famiglia. Il bonus bebé é stato esteso a tutti i nuovi nati da gennaio 2020, a prescindere dal reddito. Verrà erogato per dodici mensilità, con un importo variabile da 80 a 160 euro in base all’ISEE del nucleo familiare. I nuclei familiari con ISEE inferiore a 7.000 euro avranno 160 euro al mese, quelli che si attestano tra 7.001 e 40.000 euro riceveranno 120 euro al mese, al di sopra di 40.000 euro spetterà la cifra minima di 80 euro al mese. Potenziato anche il bonus asilo nido, infatti rispetto agli attuali 1.500 euro annui crescerà fino a 3.000 euro in base anche questo all’ISEE del nucleo familiare. La misura viene modulata su tre fasce: le famiglie con un ISEE inferiore a 25.000 euro avranno un bonus pari a 3.000 euro, quelle con un indicatore compreso tra 25.001 e 40.000 euro godranno di un beneficio pari a 2.500 euro, ai restanti andranno 1.500 euro. I neo papà potranno usufruire di un congedo paternità maggiorato, così come richiesto dall’Unione Europea: dagli attuali cinque si passa a sette giorni all’anno, ma solo per il 2020. Il padre ne ha diritto a condizione che sia un lavoratore dipendente del settore privato, infatti non è prevista la medesima misura per i dipendenti del comparto pubblico.

Misure importanti anche in tema di tutela dei consumatori dalle bollette pazze. I gestori dei servizi di pubblica utilità e gli operatori di telefonia, di reti televisive e di comunicazioni dovranno obbligatoriamente preavvisare gli utenti morosi prima di sospendere il servizio. Il preavviso di sospensione dovrà essere chiaro e dettagliato. Nel caso in cui venisse accertata l’illegittimità della bolletta, l’utente avrà diritto non soltanto a rimborso di quanto versato, ma anche ad un indennizzo del 10% dell’ammontare contestato, con un minimo di 100 euro.

E’ stata introdotta una proroga di due mesi per il deposito delle istanze di rimborso al fondo indennizzi dei risparmiatori truffati dalle banche. Ci sarà tempo pertanto sino al 18 aprile 2020 per inviare le domande, precedentemente il termine era stato fissato al 18 febbraio.

Novità anche per le assicurazioni auto: ad ogni autovettura del nucleo familiare potrà essere assegnata la classe di merito del guidatore più “diligente” della famiglia. Questo a condizione che non vi siano state responsabilità in incidenti stradali negli ultimi cinque anni.

In tema di imposte e detrazioni segnaliamo sette importanti novità:

1) Più tasse sulle vincite: salirà al 20% il prelievo sulle vincite di ammontare superiore a 200 euro derivanti da slot machine e altri apparecchi. Dal 1° marzo sarà al 20% anche la tassazione sulle vincite dai 500 euro in su del superenalotto, enalotto e gratta e vinci;

2) Maggiore imposta su cartine e filtri: oltre ai consueti aumenti delle accise su sigarette e tabacchi lavorati, dal 2020 verrà introdotta una nuova imposta di consumo sugli accessori (filtrini e cartine) di 0,0036 euro il pezzo contenuto in ciascuna confezione destinata alla vendita al pubblico;

3) Maggiore detrazione sulle spese veterinarie: salirà a 500 euro la quota massima detraibile per le spese veterinarie rispetto all’attuale limite massimo di 387,34 euro;

4) Esenzione canone RAI per gli over 75: i cittadini che hanno compiuto 75 anni di età con un reddito annuo non superiore a 8.000 euro potranno presentare una dichiarazione sostitutiva con cui attestano il possesso dei requisiti per essere esonerati dal pagamento del canone TV. Sino allo scorso anno la soglia reddituale era di 6.713,98 euro;

5) Tetto al contante: dal 1°luglio 2020 non potranno essere fatti pagamenti in contanti in misura superiore a 2.000 euro, mentre dal 1° gennaio 2022 il tetto massimo scenderà a 1.000 euro;

6) Pagamenti tracciabili per la detrazione delle spese mediche: dal 1°gennaio 2020 le spese mediche sostenute dai contribuenti saranno detraibili in dichiarazione dei redditi soltanto se pagate mediante carte di credito/debito, bancomat, bonifico bancario, bonifico postale o assegni. Restano pagabili anche in contanti gli acquisti di medicinali e dispositivi medici e le prestazioni rese dalle strutture pubbliche o dalle strutture private accreditate al Servizio Sanitario Nazionale;

7) Proroga del bonus casa, del bonus giardini e nuovo bonus facciate: confermate per il 2020 la detrazione sui lavori in casa per interventi di ristrutturazione edilizia, per quelli di riqualificazione energetica, per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici e per gli interventi di sistemazione a verde di unità immobiliari. Del tutto nuovo è invece il bonus facciate. Si tratta di una detrazione del 90% sugli interventi di recupero e restauro della facciata esterna degli edifici.

 

 

© Riproduzione riservata

 

© Riproduzione Riservata - Sardegna Società