Tra le origini e le usanze del Carnevale

Per tutti noi, il Carnevale è la festa più divertente dell’anno, dove ‘tutto’ è permesso.

In realtà è una tradizione antichissima, e la sua storia nasce dall’ultimo banchetto che si allestiva prima del periodo della Quaresima (il martedì grasso). Infatti, il termine ‘carnevale’, deriva dalla locuzione latina “carnem levare” che significa letteralmente “privarsi della carne”. Da qui, possiamo dire che si tratta una festa tipica dei paesi cristiani.

Le origini del Carnevale si fanno risalire al tempo dell’Antica Roma, quando venivano praticati i riti pagani in onore al dio Saturno, che si tenevano durante il solstizio d’inverno. Si celebrava, quindi, la fertilità della terra che, dopo il torpore invernale, tornava a rivivere e nutrire uomini e animali. Per il loro carattere, l’antica festa romana dei Saturnalia (dedicata al dio Saturno) e le Dionisie greche (in onore del dio Dionisio) ricordano da vicino il nostro Carnevale.

Questa festa legata al rito pagano, prevedeva lauti banchetti a cui prendevano parte tutti, sia nobili che poveri. Vi era un rovesciamento delle classi sociali, favorito soprattutto dalle maschere che impedivano il riconoscimento delle persone, le quali si lasciavano andare a qualunque genere di sfrenatezza. Questi riti si sarebbero protratti fino al Medioevo.

La Chiesa, però, pose dei forti limiti a queste usanze, ed il culmine di questa festa veniva raggiunto con il rogo di un fantoccio che rappresentava i mali dell’anno appena trascorso.

Queste restrizioni indussero molte maschere, che nacquero all’interno della cultura popolare, ad essere tenute in vita per mezzo delle rappresentazioni teatrali.

Solo per citarne una, la maschera di Pulcinella è la più antica della tradizione italiana. La sua nascita coincide con le origini del Carnevale; infatti era già conosciuta ai tempi dei Romani, ma scomparve con il Cristianesimo per risorgere poi nel 1500 con la Commedia dell’Arte.

Foto di Simon Ska Photography

© Riproduzione riservata

© Riproduzione Riservata - Sardegna Società