Un punto per ripartire !

Nella prima giornata del girone di ritorno il Cagliari riesce a spezzare la serie di 5 sconfitte consecutive (4 in campionato e una in Coppa Italia), raccogliendo un punto nell’insidiosa trasferta bresciana, pareggiando per 2-2 al termine di una partita a tratti dominata, che ha visto i rossoblù effettuare ben 27 tiri sullo specchio della porta; ma l’imprecisione e alcuni interventi prodigiosi del portiere Joronen hanno impedito alla formazione isolana di portare a casa la vittoria.
Nella sfida del Rigamonti, mister Maran schiera il classico modulo 4-3-1-2 con gli stessi interpreti scesi in campo una settimana prima con il Milan; il tecnico Corini risponde con un modulo speculare, schierando il rientrante Tonali a centrocampo e il tandem offensivo Donnarumma-Torregrossa, lasciando l’acciaccato Balotelli in panchina.
La partenza del Cagliari, a differenza delle partite precedenti, è veemente; la prima occasione arriva già al 3’ minuto, quando Simeone difende palla in area e dopo aver saltato Chancellor, tira di destro sul primo palo trovando la deviazione in angolo del portiere di casa Joronen. Il Brescia comunque non sta a guardare e pochi minuti dopo Torregrossa calcia di sinistro verso l’angolino chiamando in causa Olsen che in tuffo devia la palla sui piedi di Sabelli che spreca da buona posizione calciando alto sopra la traversa.

Il pressing alto e aggressivo del Cagliari è una costante nei primi minuti di gara e porta al vantaggio al 20’; Cigarini serve Nandez sulla corsia di destra; l’uruguaiano pennella un cross sul quale svetta più in alto di tutti Joao Pedro, che di testa indirizza nell’angolo più lontano battendo Joronen, 0-1!
Il vantaggio cagliaritano dura solamente sei minuti; punizione del giovane Tonali indirizzata verso l’area piccola, sulla quale si avventa Torregrossa che insacca di testa battendo Olsen, non molto reattivo in questa circostanza. I rossoblù non sembrano accusare il colpo e ogni volta che si affacciano nella metà campo bresciana si rendono pericolosi, ma senza riuscire a ritrovare il vantaggio; alla mezz’ora Nandez con una serpentina in area serve Joao Pedro che calcia sul primo palo, trovando la risposta in angolo di Joronen; tre minuti dopo è Nainggolan a sfiorare il gol ma il suo tiro è deviato da un difensore; al 41’ su corner di Cigarini, Klavan in tuffo manca la deviazione vincente; e il primo tempo si chiude così in parità, 1-1.

Nell’intervallo Corini cambia modulo inserendo Bjarnason e l’ex Dessena per Spalek e Ndoj, mentre Maran come di consueto non effettua nessuna sostituzione. La scelta ripaga subito il tecnico delle rondinelle, che si portano in vantaggio al 49’ con un gran gol di Torregrossa, che batte l’incolpevole Olsen con un tiro dalla lunga distanza, siglando la sua doppietta personale.
Il Cagliari non ci sta e nonostante un attimo di sbandamento riprende a macinare gioco alla ricerca del gol del pareggio; ci va vicino Nainggolan al 53’ ma Joronen ancora una volta para. Poco dopo Maran è costretto ad effettuare la prima sostituzione inserendo Ionita per l’infortunato Rog ma i rossoblù continuano ad attaccare senza sosta e al 66’ trovano il meritato pareggio; ingenuità di Tonali che si fa rubar palla in area da Simeone e stende quest’ultimo; rigore sacrosanto che Joao Pedro trasforma pareggiando i conti e siglando il suo 13° gol stagionale.
Al 70’ l’attaccante brasiliano va vicino alla tripletta ma il suo tiro a giro è respinto ancora una volta da un prodigioso intervento di Joronen. La partita diventa intensa con continui capovolgimenti di fronte; entrambi gli allenatori provano a vincerla e ricorrono ai cambi; Oliva entra per Cigarini e Balotelli subentra a Donnarumma. Ma la partita dell’attaccante bresciano dura appena 8’; all’81’ viene ammonito per un’entrata scomposta su Pisacane ed eccede nelle proteste che costringono l’arbitro Giua ad estrarre il secondo cartellino giallo con conseguente espulsione.
Con un uomo in più i rossoblù cercano il gol della vittoria e l’occasione più ghiotta capita sui piedi di Nainggolan al 87’, ma il suo destro è bloccato a terra da Joronen che risulta ancora una volta decisivo per i suoi. Maran all’88’ inserisce una terza punta (Cerri) per un centrocampista (Nandez), ma il tempo scorre via e dopo 4 minuti di recupero l’arbitro fischia la fine delle ostilità.
La partita termina così 2-2; un punto che sta un po' stretto ai sardi ma che per lo meno smuove la classifica che vede i rossoblù ancorati al 6° posto a quota 30 punti, con due lunghezze di vantaggio sulle più immediate inseguitrici (Parma e Milan). Tanti però sono i segnali incoraggianti; oggi, anche se a tratti, si è rivisto il Cagliari vivace e brillante ammirato nella prima parte di stagione, capace di creare numerose occasioni da gol. Lo stesso atteggiamento i rossoblù dovranno ripeterlo domenica prossima, nella difficilissima trasferta di Milano, sponda nerazzurra.

 

IL TABELLINO
Brescia (4-3-1-2): Joronen, Sabelli, Chancellor, Cistana, Mangraviti; Romulo, Tonali, Ndoj (1’ st Dessena); Spalek (1’ st Bjarnason); Torregrossa, A. Donnarumma (29’ st Balotelli). A disp.: Andrenacci, Aye, Gastaldello, Magnani, Martella, Semprini, Skrabb, Viviani. All.: Corini
Cagliari (4-3-1-2): Olsen; Faragò, Pisacane, Klavan, L. Pellegrini; Nandez (44’ st Cerri), Cigarini (28’ st Oliva), Rog (8’ st Ionita); Nainggolan; J. Pedro, Simeone. A disp.: Cragno, Rafael, Birsa, Lykogiannis, Walukiewicz. All.: Maran
Arbitro: Giua
Marcatori: 20’ J. Pedro (C), 27’ Torregrossa (B), 4 st’ Torregrossa (B), 23 st’ J. Pedro rig. (C)
Ammoniti: Ndoj (B), Torregrossa (B), Pisacane (C), Tonali (B), Nandez (C), Ionita (C). L. Pellegrini (C)
Espulsi: 37’ st Balotelli (B) per doppia ammonizione
Note: –

 

 

 

Ph. Cagliari Calcio -  © Paolo Mastrangelo, Chiaroscuro

© Riproduzione riservata

© Riproduzione Riservata - Sardegna Società